venerdì 14 luglio 2017

SENZA NESSUN SEGRETO, LEYLAH ATTAR. Review party.

BUONGIORNO, ANGELI.  OGGI BOOK'S ANGELS È LIETO DI PARTECIPARE AL REVIEW PARTY ORGANIZZATO IN OCCASIONE DELL'USCITA DELL'ATTESISSIMO SENZA NESSUN SEGRETO DI LEYLAH ATTAR (PAPER SWAN IN LINGUA ORIGINALE), EDITO NEWTON COMPTON. LA NOSTRA ALESSANDRA LO HA LETTO IN ANTEPRIMA PER VOI. ECCO LE SUE IMPRESSIONI.



TITOLO: Senza nessun segreto

AUTORE: Leylah Attar

EDITORE: Newton Compton

PAGINE: 416

PUBBLICAZIONE: 13 luglio 2017 

GENERE: Dark romance

PREZZO: € 2,99 ebook 

Una voce originale

Un'autrice straordinaria 



Un normale giorno di shopping si trasforma in un incubo per Skye Sedgewick quando, nel tornare alla macchina, viene rapita e narcotizzata. Sembra che per lei sia arrivata la fine: il rapitore sconosciuto la costringe a inginocchiarsi e le tiene puntata una pistola alla tempia. Skye aspetta che parta il colpo mentre recita la preghiera che l’aiutava a dormire da bambina, ma quello che sente, invece di uno scoppio, è un fortissimo colpo alla testa che la tramortisce. Si risveglia al buio, incapace di muovere anche un solo muscolo. Non sa dove si trova, è terrorizzata da quello che l’aspetta ma poi sente delle voci: è in una barca e il rapitore – Damian Caballero – è in attesa di avere il via libera per attraversare il confine con il Messico. L’unica speranza di salvezza è quella di fare rumore, essere notata in qualche modo e avvertire le autorità della sua presenza a bordo. Ma la cosa non è facile, per quanto ci provi è ben nascosta e l’agente durante l’ispezione non la vede, ma… Un romanzo di suspense e una storia d’amore, una scrittura potente e al tempo stesso raffinata sono gli ingredienti di questo magnifico romanzo. 


Nel grande schema delle cose, tutti noi cerchiamo di fare del nostro meglio, costruendo la nostra storia a mano a mano che la viviamo; la scriviamo, la dirigiamo e, poi, la proiettiamo nel mondo. Qualche volta ci è dato di conoscere la storia di qualcun altro, qualche volta no, ma c’è sempre una storia dietro una storia e tutte sono collegate come anelli di una catena, di cui noi possiamo vedere soltanto una piccola parte, perché c’era prima della nostra nascita e continuerà dopo la nostra morte. Chi può comprendere l’intera trama in una sola vita?
Ho voluto iniziare la recensione con questa citazione del romanzo di Leylah Attar, perché a ogni rigo pensavo solo a come il destino possa tessere le fitte trame delle nostre vite, rendendoci attori inconsapevoli. Questo è quanto capita a Skye Sedgewick.
Skye viene rapita la sera del suo ventiquattresimo compleanno, non sa chi siano i suoi rapitori, non conosce il motivo del suo rapimento, sa soltanto che la paura e il dolore le danno la certezza di essere ancora viva. In un frangente di secondo, quando pensa che la sua vita stia per finire, la mente la riporta alla sua infanzia, ai ricordi più felici e alle persone che più amava. Skye si risveglia in una barca, sotto lo sguardo penetrante del suo carceriere, Damian Caballero. 
Sin da subito cominciano una guerra, lei per la sua sopravvivenza e lui per tenere la sua prigioniera in pugno. Skye proverà a salvarsi svariate volte e altrettante Damian la riprende. In una sorta di realtà parallela i due convivono in quella barca, sebbene siano prigioniera e carceriere, arriveranno a instaurare una sorta di equilibrio che li porterà ad avvicinarsi e… sappiamo tutti come vanno a finire queste cose. Skye proverà sulla sua pelle quanto sia impossibile resistere a un’attrazione fatale come quella che prova per Damian. 
Io non ero una persona, ma soltanto un mezzo per ottenere vendetta. Lo avevo immaginato mentre si faceva strada dentro di me in modo crudele, apposta per punirmi. Io avevo abbassato la guardia, lui mi aveva messa da parte e ora dovevo conviverci. Gli avevo permesso di violarmi in modi indescrivibili e l’avevo fatto da sola, nella mia testa.

Che cosa lega realmente Skye a Damian? Solo un’attrazione dovuta a una sindrome di Stoccolma o c’è di più? 
Leylah Attar non impiega molto a darmi le risposte che cerco, perché sono lì, davanti a miei occhi: ciò che lega Skye a Damian viene dal passato.
Skye finalmente può sentirsi libera di provare quei sentimenti che tanto la scioccavano, ma per Damian sarà un viaggio complicato alla ricerca di se stesso, diviso tra l’amore per lei e il perseguimento di quell’unico obiettivo che gli ha permesso di vivere: la vendetta.
Passano i giorni, per il mondo intero loro sono una ricca ereditiera rapita e un rapitore, ma nella loro bolla sono solo Skye e Damian, una donna e un uomo che si amano. 
Le sue spinte mi portarono sempre vicino, sempre più vicino al culmine. Oscillai sulla sua dura lunghezza, facendolo impazzire, di più, di più, di più, finché ci fu un’esplosione di liquide spirali di fuoco.
Come vi ho detto all’inizio il destino tesse trame fitte e la loro bolla scoppia. A questo punto della lettura si susseguono tanti avvenimenti che portano i due protagonisti su due strade parallele, Skye impegnata a rimettere insieme i cocci della sua vita e Damian a restare ancorato a quei sentimenti che l’hanno tenuto in vita da bambino: la vendetta, la rabbia e il rancore. Gli anni passano e li ritroviamo, dopo molto tempo, diversi, cambiati, più maturi; l’uno di fronte all’altra, in una realtà che Damian mai si sarebbe aspettato di trovare. Ogni cosa è cambiata ma allo stesso tempo tutto è sempre uguale. Per quanto Skye provi ad allontanarlo, Damian farà di tutto per riprendersela. Perché l’amore non muore.



In questa recensione ho celato molte parti significative del romanzo, per non fare spoiler troppo pesanti che guastino il piacere di leggere. Vi ho raccontato a grandi linee cosa succede nella vita di Skye e Damian. So di avervi resi più confusi di prima, probabilmente vi starete dicendo che è un romanzo come altri già letti, e invece voglio invogliarvi a leggere Senza nessun segreto con la consapevolezza che nelle parole di Leylah Attar c’è di più. Ci sono tutti i sentimenti che un essere umano può provare, ci sono parole struggenti, suspense intensa, una trama che gira intorno al concetto di destino preesistente, di scelte giuste e sbagliate, di volontà di cambiare e di amore, il tutto racchiuso in uno stile leggero, fresco e mai banale. Vi chiedo di dare una chance a questo romanzo, non perché tutti ne parlano bene, ma perché ognuno di noi può riconoscersi in ogni personaggio.
Skye ha tante sfaccettature, troviamo in lei la poliedricità tipica femminile, è ironica, volitiva, passionale, decisa, a volte superficiale, fragile ma forte allo stesso tempo e ama in modo totalizzante senza paura. Damian, a primo impatto, sembrerebbe il tipico bello e impossibile dei romanzi che fugge dai sentimenti. Se fuori prevale il ghiaccio, dentro di sé, Damian, ha un fuoco di sentimenti che divampa come un incendio. Questa complessità caratteriale permette al lettore di amarlo e giustificare alcune delle sue azioni, se non tutte. 
Personalmente Senza nessun segreto rientra nella mia top ten, e ringrazio Leylah Attar per avermi emozionato come non succedeva da tanto tempo. 







Nessun commento:

Posta un commento